Gli specchi nei camerini ingannano (e snelliscono): ecco il test che lo dimostra

Gli specchi dei negozi non sempre riflettono la verità.

È quanto emerge dalla scoperta di una editor russa: dopo essersi fatta 11 selfie in 11 negozi diversi (indossando sempre lo stesso outfit), ha confrontato le foto ha notato una cosa stranissima: tutte risultano differenti rispetto all’originale fatta in casa, non solo nel look ma anche nel fisico.

L’editor di moda russa del sito Adme.eu ha rifatto l’esperimento riportato qualche anno fa dal Sunday Times, che dimostrò come posizionando un cd davanti allo specchio in un camerino H&M questo risultasse ovale.

LEGGI ANCHE: 5 segreti per avere dei camerini per negozi perfetti

specchio dei negoziL’esperimento degli specchi nei negozi

La donna, prima di uscire, si è scattata un selfie dallo specchio di casa indossando un semplice jeans e una canotta bianca, poi è andata in giro, visitando 11 camerini dei brand più famosi (H&M, Bershka, Mango, Promod, Stradivarius, Zara, ecc.) scattandosi un selfie in ogni camerino con lo stesso outfit. Che cosa ha scoperto? Che gli specchi dei camerini in cui era stata e la posizione delle luci miglioravano la sua silhouette, facendola apparire più snella e proporzionata

Il mistero degli specchi nei camerini dei negozi

Si potrebbe arrivare alla conclusione che gli specchi dei negozi sono “truccati”, in effetti non tutti sanno che gli specchi dei camerini sono studiati per allungare e slanciare la figura. Molto spesso sono normali specchi inclinati solo alla base in modo da rendere la parte superiore del corpo più minuta. Ad incentivare le vendite ci sono anche le luci che, se posizionate nel modo giusto, possono contribuire a migliorare l’immagine riflessa nello specchio. È bene però precisare che gli specchi non possono fare miracoli: una 48 non diventerà mai una 42.

Carles Casas, specialista in marketing sensoriale, sostiene che questi sono “trucchetti innocenti” per spingere all’acquisto anche le clienti più insicure e dare una maggiore autostima. In realtà afferma che nonostante sia tutto legale e regolamentato, questo processo di manipolazione è legato ai compratori, in quanto sono proprio loro a convincersi che siano più magri e slanciati con determinati vestiti.

Ingannare e manipolare non può essere una strategia di marketing: un cliente che si sente ingannato non ritornerà più in quel negozio. Sicuramente ciò che afferma Casas è vero ma è meglio non dimenticare che “fidarsi è bene, diffidare è meglio”!

Un paio di occhi in più fanno sempre comodo, quindi mai fare shopping da soli!

Scarica GRATIS la GUIDA: I 10 metodi segreti utilizzati dai Titolari di Negozi di Abbigliamento come te per eliminare i problemi legati alla gestione ed aumentare le vendite grazie a Tecniche di Vendita poco conosciute.

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi l'Informativa sulla privacy.

Do il consenso:   

Nb: i campi contrassegnati con * sono obbligatori

La tua email è al sicuro con noi! Non riceverai mai spam da Nuvoluzione.com

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: