Iscrizione Gestione Separata INPS: tutto ciò che c’è da sapere

La Gestione Separata INPS, nata nel 1995 con la legge 335/95 conosciuta anche come riforma Dini, è essenzialmente un fondo pensionistico finanziato con i contributi previdenziali obbligatori dei lavoratori assicurati. L’iscrizione alla Gestione Separata INPS di quest’ultimi è strettamente legata alla qualificazione fiscale dei redditi che essi percepiscono e dichiarano, assicurando loro la tutela previdenziale di cui hanno bisogno. In questo articolo approfondiremo chi può effettuare l’iscrizione alla Gestione Separata INPS, i moduli richiesti e le aliquote previste.

Iscrizione Gestione Separata INPS: i beneficiari

Oltre ai lavoratori occasionali che superano un reddito di 5.000 euro nell’anno solare, l’iscrizione alla gestione separata Inps è rivolta anche ai:

  • Venditori a domicilio con contratto di lavoro autonomo (ex art.36, L.426/71);
  • Spedizionieri doganali non dipendenti;
  • Liberi professionisti senza cassa;
  • Amministratori locali;
  • Beneficiari di assegni di ricerca, dottorati, borse di studio e specializzazioni;
  • Volontari del servizio civile nazionale e i medici con contratto di formazione specialistica.

La modulistica necessaria

I moduli da compilare (modulo SC04) per l’iscrizione alla gestione separata Inps sono reperibili direttamente sul sito ufficiale nella sezione relativa alla  “Modulistica” e comprendono:

  • Dati anagrafici;
  • Data d’inizio della propria attività;
  • Tipologia del lavoro che si svolge, ossia se si tratta di una libera professione (partita IVA, genere di attività, codice ATECO 2007 ed eventuale qualifica di socio di studio associato) o di una collaborazione (nel qual caso dev’essere indicato se si occupa il compito di associante o di committente).

Ogni lavoratore che intende presentare la domanda per l’iscrizione alla Gestione Separata INPS deve scegliere se spedire i moduli: per posta, mediante consegna diretta presso gli sportelli delle Agenzie relative o per via telematica direttamente sul sito nella sezione “Servizi per il cittadino”.

Le aliquote previste

Dal 1° Gennaio 2014 le aliquote massimali previste per l’iscrizione alla Gestione Separata INPS sono state fissate intorno ai 100.123 euro contro i minimali di reddito di 15.516 euro. Per quanto riguarda le aliquote previste, è possibile distinguere 3 casi: 22% sono assicurati presso i titolati di pensione e le forme previdenziali obbligatorie, il 27% sono privi di tutela previdenziale obbligatoria e lo 0,72% sono non pensionati o non assicurati affatto.

Per guardare il restante delle aliquote, gli oneri e i versamenti contributivi e avere un’ampia visione d’insieme, è possibile consultare la relativa tabella sul sito ufficiale.

Scarica GRATIS la GUIDA: I 10 metodi segreti utilizzati dai Titolari di Negozi di Abbigliamento come te per eliminare i problemi legati alla gestione ed aumentare le vendite in modo automatico.

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi l'Informativa sulla privacy.

Do il consenso:   

Nb: i campi contrassegnati con * sono obbligatori

La tua email è al sicuro con noi! Non riceverai mai spam da Nuvoluzione.com

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: