Il linguaggio del corpo nella vendita in negozio: i 10 atteggiamenti da evitare

Lo sai che toccarsi il naso indica che stai mentendo? E che le braccia incrociate indicano chiusura?

Se ritieni queste regole valide, ti consiglio di leggere questo articolo per scoprire cosa bisogna evitare per vendere con il linguaggio del corpo.

stretta di mano (Foto: Flickr - irene_dipietro)

stretta di mano (Foto: Flickr – irene_dipietro)

Esagerare con il saluto

La regola numero uno per eccellenza riguarda l’accoglienza del cliente presso il punto vendita. Senza dubbio va bene un sorriso: ma attento a non farne uno troppo esagerato (quello a 36 denti per intenderci) potrebbe essere percepito come forzato e quindi falso. Decisamente meglio un sorriso a “bocca chiusa”.

Saluto troppo deciso

È il momento dei saluti, congeda il tuo cliente con una stretta di mano sicura, solida e asciutta ma non stritolante.

Tono di voce troppo alto o troppo basso

Mai accogliere un cliente con un tono di voce troppo basso o troppo alto, entrambi potrebbero provocare in lui reazioni di fastidio.

Incrociare le braccia

Incrociare le braccia mentre ascolti le richieste o metterle in tasca, sono le due posizioni che denotano chiusura e disinteresse verso il cliente. Piuttosto tienile lungo i fianchi con una posizione ben eretta.

tipica postura con braccia incrociate (Foto: Flickr - loungerie)

tipica postura con braccia incrociate (Foto: Flickr – loungerie)

Distanza troppo ravvicinata

Mentre mostri i tuoi capi al cliente non tenere una distanza troppo ravvicinata, solitamente viene interpretata come una pressione all’acquisto.

Avere uno sguardo sfuggente

Quando rispondi alle domande e/o alle possibili obiezioni che il tuo cliente ti pone, non avere mai uno sguardo sfuggente, potresti dare l’impressione di non essere disposto a “dare spiegazioni” il che farebbe sicuramente insospettire il cliente circa i tuoi capi.

Essere troppo entusiasta

Il cliente è sempre più interessato all’acquisto, ebbene non mostrarti troppo entusiasta gesticolando all’impazzata, in questi casi per incoraggiare la conversazione è sufficiente annuire con la testa in maniera regolare e inclinandola leggermente.

Retrocedere

La vendita prosegue, ma il tuo cliente è indeciso e ti chiede un consiglio, in questo caso mai rispondergli retrocedendo anche solo di mezzo passo o toccarsi il naso, sono i segnali che più di tutti esprimono rifiuto a ciò che il tuo interlocutore ha appena detto.

Battere i piedi a terra

Un’altra parte del corpo da tenere a freno sono i piedi: mai battere i piedi terra o agitarli come se avessi un tremore. Il primo comportante indica fretta di concludere la vendita e quindi mancanza di interesse verso il cliente; il secondo indica che sei annoiato dalla situazione in cui ti trovi.

Dare le spalle

Il tuo cliente ha finalmente fatto la sua scelta e ora vuole recarsi alla cassa per il pagamento, ebbene mai precederlo dandogli le spalle così facendo potresti avere un passo troppo veloce rispetto al suo, che viene letto dal cliente come “dargli fretta”.

Memorizza queste poche, semplici, ma soprattutto fondamentali regole; così facendo oltre ad evitarle, acquisterai dimestichezza nel riconoscere le stesse, qualora fosse il tuo cliente ad adottarle.

Riconoscere sin da subito questi piccoli campanellini d’allarme ti aiuterà ad approcciare al meglio con il cliente, a capire le sue esigenze e a comprendere i suoi bisogni di fondo.

Scarica GRATIS la GUIDA: I 10 metodi segreti utilizzati dai Titolari di Negozi di Abbigliamento come te per eliminare i problemi legati alla gestione ed aumentare le vendite grazie a Tecniche di Vendita poco conosciute.

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi l'Informativa sulla privacy.

Do il consenso:   

Nb: i campi contrassegnati con * sono obbligatori

La tua email è al sicuro con noi! Non riceverai mai spam da Nuvoluzione.com

Dì la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: