7 segreti per avere dei camerini per negozi perfetti

7745
Tempo di lettura articolo: 3 minuti

Camerini per negoziI negozi più frequentati sono solitamente quelli che hanno i prodotti migliori, una bella vetrina, una buona qualità/prezzo ma, ti stupirà saperlo, sono quelli che hanno anche i migliori camerini per negozi.

I camerini infatti sono il luogo in cui il cliente, ritrovandosi con se stesso, prova gli abiti e realizza come gli stanno addosso, decidendo se acquistarli o meno.

In un negozio i camerini di prova dovrebbero essere un luogo di serenità e spesso non è così. Secondo uno studio inglese, 75 clienti su 100 hanno smesso di provare i vestiti nei negozi perché trovano i camerini dei luoghi infernali, tanto da aver fatto nascere una malattia chiamata Changing Room Rage (rabbia da camerino). Ovviamente tutto ciò porta al cliente a non comprare.

Le cabine spogliatoio sono spesso organizzate dai negozianti in modo sbagliato, sono poco adatte alla prova degli abiti e fanno apparire il cliente brutto con l’abito che indossa.

Come risolvere il problema? Basta seguire questi 6 semplici consigli per avere camerini per negozi perfetti che soddisfino il cliente e lo spingano ad acquistare tutto ciò che indossa.

Pulizia

Un camerino perfettamente pulito dovrebbe essere cosa scontata ma ancora oggi si trovano camerini pieni di polvere, peli o ancora peggio, rifiuti di vario genere. Tutto ciò da una brutta immagine al negozio, quindi attenzione alla manutenzione periodica: almeno una volta alla settimana dedica del tempo alla pulizia.

LEGGI ANCHE: Come pulire il negozio 

Spazi adeguati

Il secondo segreto per avere camerini perfetti è quello di creare degli spazi prova ampi: il classico loculo in cui non ci si riesce a girare è per il cliente una vera trappola.

Quando si apre un negozio si deve considerare di poter distribuire gli spazi in maniera tale da dare ai camerini la giusta dimensione, così che i clienti, anche in sovrappeso, possano spogliarsi, indossare gli abiti e guardarsi in maniera confortevole. 

Le dimensioni minime per un negozio di abbigliamento prêt-à-porter donna sono di 1 metro di profondità per 90 centimetri in larghezza. Per stores d’abbigliamento maschile, o comunque che vendano taglie “comode”, è necessario ampliare queste misure per garantire un comfort maggiore.

Comodità

Secondo aspetto importante è ricreare all’interno dei camerini un ambiente comodo, una sedia o puff per sedersi, degli appendiabiti per lasciare la propria roba e ovviamente un tappeto, visto che quando si provano gli abiti si è tendenzialmente scalzi.

Scelta dei colori

I colori dei capi che proverà un eventuale cliente devono essere perfettamente visibili e risaltare. Immagina di entrare in un camerino e provare un abito blu scuro. Ma, sorpresa, anche la tenda alle tue spalle è dello stesso colore.

In pratica l’articolo che vesti, fusosi con le stesse tinte dell’arredamento, scompare. È, dunque, importante scegliere con molta cura i colori che figureranno all’interno del camerino, in base alle tinte del tuo catalogo.

Giusta illuminazione

Terzo segreto sono le luci. La luce nei camerini svolge un ruolo fondamentale, l’illuminazione delle cabine deve essere perfetta perché è qui che i clienti stabiliscono se gli indumenti scelti all’interno del negozio sono adatti a loro.

Luci a led, non troppo forti, ne troppo blande e soprattutto di colore bianco, così che gli abiti abbiano nel camerino il colore originale. Inoltre, anche il posizionamento dell’apparato di luci è decisamente importante. Se la luce parte dall’alto, questo può creare uno sgradevole “effetto interrogatorio“. L’ubicazione migliore dell’illuminazione è sicuramente ai lati, in corrispondenza dello specchio.

LEGGI ANCHE: Come esaltare la merce grazie a un’adeguata illuminazione

Specchio adeguato

Aspetto decisivo per un camerino perfetto è lo specchio. Molti negozi mettono specchi tagliati male, che ci deformano e ci fanno sembrare grassi. La scelta dello specchio da camerino non può essere fatta con leggerezza, è necessario scegliere specchi ottimi, ben rifiniti e che riflettano un’immagine veritiera.

Giusta temperatura

Ultimo aspetto è la temperatura dei camerini: è bene fare in modo che questi siano arieggiati e scaldati a dovere con una temperatura che oscilli tra i 18° e i 20°. Un camerino troppo freddo non fa venir voglia di spogliarsi e uno troppo caldo fa sentire asfissiati.

Infine ricorda: un capo d’abbigliamento o un vestito resta bello indipendentemente dal camerino, ma se l’esperienza d’acquisto è negativa, il cliente non comprerà o non tornerà più!

1.00 avg. rating (46% score) - 1 vote

Scarica GRATIS la GUIDA: I 10 metodi segreti utilizzati dai Negozi di Abbigliamento per eliminare i problemi legati alla gestione ed aumentare le vendite in modo automatico.

Che ruolo svolgi in azienda? *

TitolareResponsabile Punto VenditaCollaboratore

Seleziona la provincia *

Accetto l'informativa sulla privacy *   

* = campi obbligatori

La tua email è al sicuro con noi! Non riceverai mai spam da Nuvoluzione.com

Di la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: