Vendita promozionale in negozio: regole e consigli da seguire

4489
Tempo di lettura articolo: 3 minuti

Le vendite promozionali sono operazioni di marketing dettate dalle motivazioni più disparate: necessità di smaltire la merce presente in magazzino, urgenza di incrementare le vendite, bisogno di rinnovare i locali o, semplicemente, voglia di attirare più clienti.

Questa tipologia di vendita rientra nel novero delle vendite straordinarie, disciplinate dal D.Lgs.114/1998 e sempre regolamentata dalla legge sul cambio merce.

Tipologia di vendite straordinarie

Esistono 4 tipologie di vendite straordinarie.

  1. Liquidazione: questo tipo di vendita ha lo scopo di esaurire le scorte di magazzino e può essere effettuata in qualsiasi periodo dell’anno. Tuttavia, secondo la vendita promozionale normativa, occorre chiedere l’autorizzazione al Comune, mentre la durata e l’organizzazione viene regolamentata dalle singole Regioni;
  2. Vendite di fine stagione: meglio conosciute come saldi, sono regolamentate dalle singole Regioni per quanto riguarda la data di inizio e fine. In questa tipologia di vendita rientrano i capi che devono essere smaltiti entro un determinato periodo di tempo, altrimenti perderebbero gran parte del loro valore commerciale;
  3. Vendite promozionali: sono vendite che riguardano solo una parte della merce esposta in negozio e devono durare per un periodo di tempo molto limitato. Le Regioni non le hanno ancora regolamentate a dovere perchè non hanno ricevuto disposizioni in merito dal Governo, anche se spesso cercano di intervenire marcando limiti ed attività.
  4. Sottocosto: è un altro tipo di vendita promozionale che, invece, va segnalata al Comune di appartenenza e non può riguardare più di 50 articoli presenti all’interno del negozio, che vengono venduti ad un prezzo inferiore rispetto a quanto sono stati pagati. La durata è di massimo 10 giorni e, in un anno, non può essere fatta per più di 3 volte.

Come esporre la merce in una vendita promozionale

Per quanto riguarda l’esposizione delle merce, durante le vendite promozionali è bene seguire queste 3 regole.

  1. Metti in evidenza: è importante segnalare la vendita promozionale sia all’esterno, in vetrina, che all’interno del punto vendita, rispettando eventuali indicazioni delle Regioni di appartenenza, in modo da uniformarsi alla normativa vigente;
  2. Prezzo intero: le vendite promozionali devono, per legge, evidenziare sui cartellini degli articoli il prezzo intero, unito alla scontistica offerta e al nuovo prezzo in promozione. Oltre che in vetrina, la vendita promozionale deve avere una collocazione precisa all’interno del negozio, preferibilmente in vista, in un posto di passaggio dove i clienti possono vedere altri capi ed eventualmente acquistarli;
  3. Evita la cassa: evita di mettere la vendita promozionale nelle vicinanze della cassa, altrimenti il cliente si focalizzerà solo su di essa senza dare uno sguardo in giro ed acquistare altri articoli, anche non in promozione.

Buoni regalo: farli valere o no durante le vendite promozionali?

Diverso è il caso dei buoni regalo che, in molti, preferiscono acquistare in occasione di compleanni e ricorrenze, per dare la possibilità di acquistare capi di sicuro interesse anche a distanza di mesi.

I buoni regalo hanno in genere una validità che varia tra 30 giorni e 1 anno dall’emissione, a discrezione del gestore del negozio o della casa madre.

Ci sono negozi che non accettano pagamenti con buoni regalo durante le vendite promozionali.

Altri, invece, trattano i buoni regalo durante questi periodi come in qualunque altro momento dell’anno.

In tal senso, non esiste una regola precisa ma vige la discrezionalità.

Accettare i buoni regalo durante i saldi permette di smaltire rimanenze di magazzino che altrimenti rimarrebbero invendute, senza compromettere l’utile che deriva dalla vendita.

In più, possono rivelarsi un ottimo strumento di marketing per fidelizzare l’acquirente e farlo tornare in negozio.

Infatti, accettando buoni regalo durante una vendita promozionale, si lascia passare al potenziale cliente il messaggio che, con la stessa cifra, può comprare il doppio della merce rispetto a quella che acquisterebbe a prezzo pieno.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Scarica gratis il nostro nuovo Ebook


COME CREARE E LANCIARE UN FASHION E-COMMERCE DI SUCCESSO


Questo report ti permetterà di conoscere quali sono gli elementi più importanti da tenere in considerazione per creare e lanciare un fashion e-commerce di successo.

    Che ruolo svolgi in azienda? *

    TitolareResponsabile Punto VenditaCollaboratore

    Seleziona la provincia *

    Accetto l'informativa sulla privacy *   

    * = campi obbligatori

    La tua email è al sicuro con noi! Non riceverai mai spam da Nuvoluzione.com

    Di la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: