Contabilità del commercio elettronico: come funzionano fisco e tasse

283
Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Il commercio elettronico abbraccia ormai un’ampia gamma di aree e deve rispettare determinate normative fiscali per essere in regola. Per commercio online elettronico si intendono tutte quelle transazioni in rete che avvengono tramite vetrine online, negozi virtuali ecc. Tale forma di attività, considerando la sua enorme espansione nell’ultimo decennio, è stata inquadrata da un punto di vista fiscale per essere regolamentata meglio. Nella contabilità del commercio elettronico si possono distinguere: il commercio indiretto ed il commercio diretto. Sono comprese le compravendite di beni, servizi, prodotti, contenuti digitali ecc.

Contabilità del commercio elettronico indiretto: cos’è e come funziona

Il commercio elettronico indiretto prevede principalmente la definizione dell’accordo tra le parti in seguito ad una trattativa. Il perfezionamento dell’accordo con tanto di contratto si verifica in un secondo momento alla consegna materiale del bene acquistato. Il bene viene spedito all’acquirente ed al momento della consegna il pagamento avviene tramite contrassegno, configurandosi quindi come una vendita a distanza.

L’acquirente può richiedere la fattura al momento dell’acquisto, poiché il cedente è esonerato dall’emissione della fattura e della ricevuta fiscale. Per l’acquirente italiano o residente nella Comunità Europea l’acquisto è deducibile alla consegna del bene ed al ricevimento della fattura. Per il venditore la cessione è imponibile al perfezionamento del contratto, soggetto alla disciplina delle esportazioni se l’acquirente è extracomunitario.

Contabilità del commercio elettronico diretto: cos’è e come funziona

Il commercio elettronico diretto prevede la vendita online di un bene immediatamente utilizzabile come un mp3, un ebook, un corso a distanza, un film, un video ecc. Non si tratta più di cessione di beni ma di prestazioni di servizio e ai fini della contabilità quindi è importante il momento del pagamento.

In caso di acquirente italiano con partita IVA e cedente UE il servizio si effettua nel territorio italiano e quindi l’operatore deve seguire il meccanismo del “reverse change” e liquidare l’IVA.

In caso di acquirente UE o italiano e di cedente extra UE il cedente può beneficiare del regime agevolato previsto dal Dl 273/2003. Il cedente viene identificato ai fini IVA in uno dei paesi della Comunità Europea e viene dispensato dall’emissione della fattura e dal pagamento dell’IVA sulle vendite.

Infine in caso di acquirente italiano e cedente non residente in Italia non è previsto alcun tipo di tassazione nel nostro paese.

Il commercio elettronico in Italia deve rispettare la regolamentazione per le imposte prevista sull’IVA, sull’IRAP e sui redditi e se rientra tra i requisiti per l’applicazione dei tributi deve pagare regolarmente le tasse.

Fonte foto: pixabay

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Scarica GRATIS la GUIDA: I 10 metodi segreti utilizzati dai Negozi di Abbigliamento per eliminare i problemi legati alla gestione ed aumentare le vendite in modo automatico.

Che ruolo svolgi in azienda? *

TitolareResponsabile Punto VenditaCollaboratore

Accetto l'informativa sulla privacy *   

* = campi obbligatori

La tua email è al sicuro con noi! Non riceverai mai spam da Nuvoluzione.com

Di la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: