Pitti Uomo 2019: si apre il sipario della grande kermesse di moda “made in Italy”

492
Tempo di lettura articolo: 2 minuti

É partita ufficialmente l’edizione numero 95 di Pitti Uomo 2019 alle 10:30 dell’8 gennaio presso il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. La manifestazione si è aperta con i saluti del sindaco Dario Nardella che ha dato il benvenuto agli ospiti.

Successivamente hanno preso la parola il presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana Antonella Mansi e il presidente di Pitti Immagine e di Confindustria Moda Claudio Marensi. Sono infine intervenuti il presidente Confindustria Vincenzo Boccia, il sottosegretario allo Sviluppo economico Michele Geraci e il presidente di Smi (Sistema Moda Italia) Marino Vago.

Nel corso della cerimonia è stato assegnato il Premio Pitti Immagine alla carriera al designer Italo Lupi e si è svolto l’annullo del francobollo celebrativo dei 30 anni di Pitti Immagine.

Pitti Uomo 2019: i partecipanti

Dopo le presentazioni di rito la manifestazione Pitti Uomo Immagine 2019 si è spostata nella Fortezza del Basso. All’evento sono attesi ben 1.230 marchi, di cui 542 stranieri, che esporranno le collezioni dedicate al prossimo inverno su una superficie di 60.000 metri quadrati.

La manifestazione dedicata al meanswear mediamente ospita 36.000 visitatori e si spera di eguagliare ed anche di superare tale cifra per questa edizione. Tra i principali mercati esteri si segnalano la Spagna, l’Olanda, il Regno Unito, il Giappone, la Germania, la Cina, la Turchia, la Francia, la Svizzera, gli Stati Uniti, la Corea, il Belgio, la Russia, l’Austria e la Svezia. La presenza di questi mercati conferma il grande respiro internazionale di Pitti Uomo 2019 che ormai rappresenta un punto di riferimento per tutto il “made in Italy” nel settore della moda maschile.

“Scandinavian Manifesto”: una finestra sul lifestyle scandinavo

Una delle novità di questa manifestazione è “Scandavian Manifesto”, un progetto lanciato da Pitti Immagine con la collaborazione di Revolver Copenaghen. In realtà non si tratta di una novità in assoluto poiché è già la seconda edizione. All’Arena Strozzi della Fortezza saranno presentate collezioni uniche di designer danesi, svedesi e norvegesi che daranno una panoramica delle tendenze del lifestyle scandinavo.

Progetto “Guest Nation”: uno sguardo allo stile “caliente” del Portogallo

Merita una menzione anche il progetto “Guest Nation”, nato dalla collaborazione tra Fondazione Pitti Immagine Discovery e Selectiva Moda/From Portugal. Questo progetto mostra otto promettenti marchi portoghesi di abbigliamento ed accessori, le cui collezioni saranno presentate allo Spazio Carra al Piano Inferiore del Padiglione Centrale.

L’allestimento di Gucci

Da segnalare il nuovo allestimento espositivo delle Period Room del Gucci Garden, collocato all’interno del Palazzo della Mercanzia a Piazza della Signoria. I nuovi interventi murari sono caratterizzati da una serie di walls inediti realizzati da due artiste che accompagnano il visitatore in uno spazio moderno e coinvolgente.

Infine giovedì 10 gennaio sarà lanciato il nuovo brand “made in Italy” di calzature di lusso El Vaquero alla Congrega di via Tosinghi, che vedrà come madrina d’eccezione Cecilia Rodriguez.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Ti è piaciuto l'articolo?


Iscriviti gratis alla newsletter e ricevi in anteprima le nostre news su MODA E TENDENZE

Accetto l'informativa sulla privacy *   

* = campi obbligatori

La tua email è al sicuro con noi! Non riceverai mai spam da Nuvoluzione.com

Di la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: