Sandro Ferrone Franchising, come aprire un punto vendita Sandro Ferrone

103
Tempo di lettura articolo: 3 minuti

Sandro Ferrone franchisingTi ammalia lo stile Sandro Ferrone e vuoi entrare a far parte della famiglia di questo raffinato brand rigorosamente “made in Italy”?

Allora in questo articolo ti spiego come aprire un punto vendita Sandro Ferrone franchising, quali sono i costi ed i punti di forza del marchio.

Oggi il marchio vanta oltre 110 negozi in tutta Italia, più diversi punti vendita dislocati in Belgio, Spagna, Francia, Arabia Saudita, Bulgaria, Libano, paesi baltici, Giappone, Russia e tanti altri ancora.

Come puoi intuire stiamo parlando di un brand internazionale, che ha fatto della cura dei particolari il suo punto di forza per valorizzare la donna sotto ogni aspetto.

Sandro Ferrone franchising, la storia

Prima di analizzare i costi e le modalità di affiliazione, è interessante conoscere la storia di Sandro Ferrone per comprendere fino in fondo lo spirito dell’azienda.

Nel 1958 Alessandro Ferrone avvia la sua attività di commercio e di tessuti, fino a trasformarla in una vera e proprio industria che è cresciuta sempre di più fino ai giorni nostri. Oggi la Ferrona spa arriva ad esportare oltre 2 milioni di capi d’abbigliamento in tutto il mondo.

Il progetto ha ricevuto un’ulteriore spinta dal franchising, che in pochi anni ha visto sorgere punti vendita in tutta Italia ed in ogni angolo del mondo. La filosofia aziendale punta ad assecondare i gusti e le tendenze delle donne, improntando la produzione ad uno stile squisitamente “made in Italy” che arriva dal produttore al consumatore senza filtri.

Il 2003 ha rappresentato un anno fondamentale, poiché è stata lanciata la collezione Sweet Lola dedicata alle donne dalle taglie forti.

Fino a vent’anni fa la moda offriva capi d’abbigliamento che, piuttosto che vestire, si limitavano a coprire e presentavano uno stile classico e con prezzi elevati. La collezione Sweet Lola ribalta questa visione e propone capi fashion ed alla moda, in grado di esaltare e valorizzare le curve sensuali delle donne curvy di ogni età.

Modalità di apertura di un punto vendita e costi

Il brand punta ad una sistema di distribuzione rapido e capace di rispondere tempestivamente alle mutate esigenze del mercato. Il 60% dei prodotti ruota continuamente nella proposta stagionale, garantendo così un’offerta ricca e variegata ed ottimizzando la gestione del magazzino, tant’è vero che la rimanenza del volume di merci acquistate non supera mai il 5%.

Grazie al concetto di “collezioni vive”, prodotte e distribuite con la stessa velocità con cui cambiano i comportamenti del mercato, i consumatori sanno che l’offerta si rinnova ogni settimana e visitano i punti vendita con frequenza, almeno 12 volte all’anno rispetto alle 4 della concorrenza.

Il franchisee può contare su un continuo supporto tecnico della casa madre, che lo aiuta nella realizzazione dei punti vendita e trasferisce il suo “know how” aziendale. Il brand assicura un’intensa attività di promozione ed un’ampia visibilità anche nei programmi televisivi, cinematografici e fiction. Elena Santorelli, Manuela Arcuri, Afef, Sabrina Ferilli e Claudia Gerini solo solo alcune delle vip che hanno prestato il loro volto per promuovere il brand romano.

Per quanto riguarda i costi bisogna partire da un investimento minimo di almeno 120.000 euro, all’interno dei quali è compresa anche la fee d’ingresso di 5.000 euro.

Caratteristiche del punto vendita

Ogni punto vendita Sandro Ferrone viene progettato con un design che ridefinisce lo spazio a seconda della dislocazione, dalle città ai centri commerciali. Gli arredamenti interni sono discreti ed innovativi, diffondendo la luce in modo strategico così da valorizzare l’ingresso-vetrina, realizzata generalmente con un’unica anta ed un vetro trasparente.

Nei centri commerciali il negozio è disposto in modo tale da dare alla clientela la massima libertà di scelta. I capi d’abbigliamento sono facilmente raggiungibili e possono essere toccati ed indossati con scioltezza.

Secondo il principio del “fast fashion”, anche i negozi in città sono caratterizzati da ingressi ampi e trasparenti che invitano ad entrare. I design vengono studiati in base all’ubicazione, ma generalmente sono caratterizzati da architetture moderne con sofisticati contrasti di superfici lucide ed opache, vetrine che danno sulle vie principali ed elementi d’arredo che si armonizzano dando un senso di spazio e continuità stilistica.

Il sistema business di Sandro Ferrone franchising

Sandro Ferrone prevede una pre-collezione con consegna a fine luglio per l’AI e ad inizio febbraio per la PE. In questo modo l’affiliato ha tutto il tempo per studiare le campagne pubblicitarie ed il visual merchandising più indicati per le collezioni.

Tra gli altri concetti chiave ci sono: ottimo rapporto qualità/prezzo, riassortimento in tempo reale dei modelli più venduti, flash studiati per i saldi, timing d’acquisto finalizzato a ridurre le rimanenze di magazzino e supporto personalizzato.

Gli obiettivi principali sono un rapido aggiornamento dell’immagine del punto vendita, una bassa percentuale di rimanenza prima dei saldi ed un basso rischio d’invenduto del prodotto.

Sandro Ferrone punta molto sulla pubblicità outdoor, infatti investe in continue campagne pubblicitarie ogni stagione a beneficio della visibilità del brand e degli affiliati.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Scarica gratis il nostro nuovo Ebook


Scopri quali sono i cambiamenti più importanti che la situazione legata al Coronavirus ha portato nel mercato retail.


Ma, soprattutto, qual è la maniera migliore per utilizzarli a tuo vantaggio, permettendo alla tua azienda di crescere e tornare a guadagnare come e più di prima

Di la tua! Facci sapere cosa ne pensi con un commento: